Archivi categoria: poesie

Intervista notturna

<Le senti le auto?>

                                                                  <Le sento.>

<Le vedi le luci della stazione?>

                                                                <Le vedo.>

<Lo senti il miagolio del gatto?>

                                                              <Sì, sento anche  quello.>

<Le cicale, senti le cicale?>

                                                               <Sì, da prati lontani.>

<Te le ricordi le favole?>

                                                              <Quali?>

<Quelle del librone arancione che ti portò tuo padre invece di un gioco.>

                                                            <Oh sì, le ricordo.>

<Ricordi quando te le leggeva?>

                                                          <Sì, era estate e le cicale sembravano vicinissime.>

<Qual era il racconto che preferivi?>

                                                         <Questo non interessa a nessuno.>

<Però io lo so!>

                                                         <Perché tu sei me! Devi saperlo!>

<Erano storie meravigliose.>

                                                        <Sì,  ed io non sono riuscita a trovare il passaggio 

                                                            per tornare nella realtà>

<Cioè?>

                                                          <Cioè, se me lo chiedi, passo ancora

                                                             interi pomeriggi   cercando di spiegare

                                                             al lupo che in realtà l’uva  non è acerba,

                                                              ma è la volpe che è una stronza!>

<Il lupo non ci crede?>

                                                        <Il lupo si ubriaca ogni notte

                                                          da quando ha conosciuto  la volpe,

                                                           è difficile spiegargli le cose.>

                                                                                                              di Federica e basta

5 commenti

26 luglio 2013 · 23:26

Open my doors

 

La casa del mio cuore non avrà mai porte

 

porta 

 

3 commenti

Archiviato in poesie

BUONE VACANZE

                                                                                                                                                                                       A.C. sottolestelledeljazz

5 commenti

Archiviato in poesie

Senza Cuore

Quanto al futuro, ascolti:
i suoi figli fascisti
veleggeranno
verso i mondi della Nuova Preistoria.
Io me ne starò là,
come colui che
… sulle rive del mare
in cui ricomincia la vita.
Solo, o quasi, sul vecchio litorale
tra ruderi di antiche civiltà,
Ravenna
Ostia, o Bombay – è uguale –
con Dei che si scrostano, problemi vecchi
– quale la lotta di classe –
che
si dissolvono…
Come un partigiano
morto prima del maggio del ’45,
comincerò piano piano a decompormi,
nella luce straziante di quel mare,
poeta e cittadino dimenticato.”

                                            da Pasolini – “Poesie in forma di rosa”         Brugel – La Torre di Babele

 

SENZA CUORE 

Chi sei tu,
uomo dai capelli bianchi
che parli dalle sedi delle banche?

Sei un padre?
Sei un figlio?
Chi sei?

Hai mai visto
il sorriso di una madre
l’entusiasmo di un padre?

Cosa offusca i tuoi pensieri?
lo Spread
o il sonno innocente dei tuoi nipoti? 

Sei fiero dei tuoi discorsi,
le banche ti plaudono,
ed i servi del potere ti osannano.

Il Santo Uffizio
metteva al rogo i libri,
tu metti al rogo i sogni.

Italia, povera Italia,
puttana a gambe aperte
di ladri della tua Storia. 

Europa, povera Europa,
aborto di chi ti ha concepita
senza cuore.

                                             A.C. sottolestelledeljazz

  

5 commenti

Archiviato in a guera è guera, lacrime e sorrisi, poesie

Signor Sindaco, Signor Pisapia

 

 

MILANO

Fra le sue pietre e le tue nebbie faccio

villeggiatura. Mi riposo in Piazza

del Duomo. Invece

di stelle

ogni sera si accendono parole.

 

Nulla riposa della vita come

la vita.

                                             Umberto Saba

 

 

SAN SIRO SPEGNE LE LUCI

Ho tifato per te
ho gioito con te


ed oggi
mi sono vergognato per te

mi sono vergognato di te!


                                                                 A.C. sottolestelledeljazz

  

Lascia un commento

Archiviato in a guera è guera, poesie, un paese di poeti e santi