Intervista notturna

<Le senti le auto?>

                                                                  <Le sento.>

<Le vedi le luci della stazione?>

                                                                <Le vedo.>

<Lo senti il miagolio del gatto?>

                                                              <Sì, sento anche  quello.>

<Le cicale, senti le cicale?>

                                                               <Sì, da prati lontani.>

<Te le ricordi le favole?>

                                                              <Quali?>

<Quelle del librone arancione che ti portò tuo padre invece di un gioco.>

                                                            <Oh sì, le ricordo.>

<Ricordi quando te le leggeva?>

                                                          <Sì, era estate e le cicale sembravano vicinissime.>

<Qual era il racconto che preferivi?>

                                                         <Questo non interessa a nessuno.>

<Però io lo so!>

                                                         <Perché tu sei me! Devi saperlo!>

<Erano storie meravigliose.>

                                                        <Sì,  ed io non sono riuscita a trovare il passaggio 

                                                            per tornare nella realtà>

<Cioè?>

                                                          <Cioè, se me lo chiedi, passo ancora

                                                             interi pomeriggi   cercando di spiegare

                                                             al lupo che in realtà l’uva  non è acerba,

                                                              ma è la volpe che è una stronza!>

<Il lupo non ci crede?>

                                                        <Il lupo si ubriaca ogni notte

                                                          da quando ha conosciuto  la volpe,

                                                           è difficile spiegargli le cose.>

                                                                                                              di Federica e basta

Annunci

5 commenti

26 luglio 2013 · 23:26

Open my doors

 

La casa del mio cuore non avrà mai porte

 

porta 

 

3 commenti

Archiviato in poesie

C’ero anche io


 

Ascoltavo la radio in auto
una corsa a casa per capire con le immagini della tv
non avrei mai voluto vedere
ciò che la mia immaginazione
non avrebbe mai immaginato.

E nulla non sarebbe stato mai più come prima.

                                                               A.C. sottolestelledeljazz

 

 

 

1 Commento

Archiviato in a guera è guera

Addio, Piccolo Principe

“Addio.

Ricordati di un segreto,

un segreto semplicissimo,

Soltanto con il cuore

si può vedere nel modo giusto,

 non si vede bene che col cuore.

Ricordati:

ciò che è essenziale è invisibile agli occhi.

Lo si vede solo con gli occhi del cuore.”

da “Il Piccolo Principe” di Saint-Exupéry

“Dobbiamo riconoscere che nel mondo è presente un eccesso di male: quando si oltrepassa la pura stupidità umana – che causa danni anche gravi, ma per incuria, per inettitudine, per negligenza, per debolezza – e si arriva alla pianificazione del male fatta con cinismo e crudeltà, per godere del disagio altrui, dello schiacciamento dell’altro.

Nel mondo, tuttavia, c’e anche un eccesso di bene. Si verifica nel momento in cui si supera la relazione di stretta giustizia, il puro contratto paritario: “io ti do, tu mi dai”. Allora si dona in totale gratuità, si dà in pura perdita – dando a chi non merita, a chi ci e ostile – oltrepassando le buone maniere, il buon senso, il senso comune della misura.

E’ il superamento delle abitudini mondane, il calpestamento di ogni convenzione, potremmo dire una “trasgressione”, senza la valenza negativa del termine”.

Carlo Maria card. Martini, Le tenebre e la luce, ed. Piemme, 2007

OLTRE LA FORESTA

Fratello ateo, nobilmente pensoso,
alla ricerca di un Dio
che io non so darti,
attraversiamo insieme il deserto.

Di deserto in deserto andiamo oltre
la foresta delle fedi
liberi e nudi verso
il nudo essere
e là
dove la parola muore
abbia fine il nostro cammino.

Padre Davide Maria Turoldo
                    Da “Canti Ultimi”

2 commenti

Archiviato in persone speciali

BUONE VACANZE

                                                                                                                                                                                       A.C. sottolestelledeljazz

5 commenti

Archiviato in poesie